Vitamine essenziali per le ossa

Spesso ci si dimentica che per la salute delle ossa ci sono delle vitamine essenziali da assumere. Il nostro apparato scheletrico non è formato solo dal calcio e, per quanto ci si possa impegnare ad assumere latticini o appositi integratori con questo elemento, serve anche il giusto apporto giornaliero vitaminico sia per la produzione che per il mantenimento della struttura ossea.

La composizione ossea cambia nel tempo in base all’alimentazione ma anche in base al tipo di esercizio fisico svolto quotidianamente e, quando si hanno problemi di osteoporosi o osteopenia, ogni misura intrapresa è importante per minimizzare i danni. La demineralizzazione progressiva indebolisce in questo modo la composizione della matrice ossea. Le conseguenze sono la maggiore probabilità di fratture e difficoltà nella calcificazione.

Quali sono le vitamine essenziali per le ossa?

Prendendo in considerazione l’alimentazione, le vitamine essenziali da assumere quotidianamente sono la vitamina D e la vitamina K. Queste, infatti, possono migliorare la composizione dell’apparato scheletrico.

Diventa importante sapere dove si trova la vitamina D e come viene prodotta.

La vitamina D è un ormone che viene prodotto dal nostro organismo nel momento in cui ci si espone alla luce solare. L’azione dei raggi UVB permette l’attivazione di un passaggio essenziale per la trasformazione della vitamina D dalla sua forma inattiva a quella attiva.

Per ottenere gli effetti benefici della vitamina D bisogna quindi esporsi al sole. Assumere i cibi che contengono questa vitamina essenziale per le ossa può essere di aiuto per aumentarne gli effetti benefici.

La vitamina D agisce a livello delle cellule che producono la matrice ossea andando a stimolare l’attività degli osteoblasti. Queste cellule sono importanti per contrastare l’azione degli osteoclasti che vanno a demolire continuamente le ossa. C’è infatti un continuo turnover di costruzione e demolizione dell’apparato scheletrico. Questo turnover non si ferma mai durante l’arco della nostra vita e un suo eventuale squilibrio è la causa della fragilità che caratterizza l’osteopenia.

Vitamina K

La vitamina K nella sua forma MK7 serve per indirizzare il calcio alle ossa e fissarlo. La MK7 è contenuta in esigue quantità sia negli alimenti che negli integratori comuni di vitamina K. Per ovviare a questo problema, sono stati creati appositi integratori con una quantità di MK7 di molte volte superiore alle vitamine MK1 ed MK2 anche se non si troverà mai un integratore con la sola isoforma necessaria alle ossa.

Se si vuole assumere la vitamina MK7 naturalmente con gli alimenti, è bene ricordare che questa si trova in ortaggi a foglia verde, prodotti caseari e diversi legumi.

Esercizio fisico

L’azione delle vitamine essenziali per le ossa è connessa con il giusto esercizio fisico. Non tutti sanno che alcuni sport fanno bene all’organismo, ma per chi ha problemi di osteoporosi o vuole prevenirla sono sconsigliatissimi. La vitamina D e la vitamina K nella forma MK7 hanno bisogno di essere integrate a loro volta con un esercizio aerobico quotidiano come 30 minuti di camminata a ritmo sostenuto.

L’impatto del piede sul terreno crea costantemente dei piccoli microtraumi alle ossa che accelerano e stimolano l’aumento della densità ossea. L’esercizio aerobico induce la produzione di calcitonina e inibisce in modo efficace l’attività degli osteoclasti.

Una assenza di carico impedisce la mineralizzazione (vedi astronauti) ed è per questo che non tutti gli esercizi sono adatti.

Sport come il nuoto o la cyclette portano a una diminuzione della densità ossea in quanto c’è una minore resistenza alla gravità. Sono consigliati invece sport che come la camminata veloce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll To Top